Firmato l’accordo con l’Università di Tor Vergata
  • Home
  • News
  • Firmato l’accordo con l’Università di Tor Vergata

Firmato l’accordo con l’Università di Tor Vergata

| Sara Di Giorgio | Notizie
articolo letto 563 volte

L’Ateneo romano entra in ICDI per potenziare lo sviluppo della scienza aperta e la federazione delle risorse in EOSC

Si allarga la rete delle Università in ICDI con la partecipazione dell’ ’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”. Con l’adesione all’accordo, Tor Vergata partecipa al tavolo di lavoro di ICDI mettendo a disposizione le competenze e le infrastrutture di eccellenza sviluppate a livello nazionale ed internazionale e partecipando attivamente allo sviluppo della strategia per l’accesso e la federazione delle risorse in EOSC.

Tra queste c’è la nuova infrastruttura di ricerca ISIS@MACH ITALIA (MAterials Characterization Hub), primo hub di ISIS Neutron and Muon Source, con sede nel Regno Unito. 

Breve genesi di ISIS@MACH ITALIA (IMI).

1985: l’Università di Roma Tor Vergata è il primo partner europeo di ISIS Pulsed Neutron and Muon Source (UK)

Agosto 2019: La Regione Lazio finanzia il Progetto ISIS@MACH, Nodo di ISIS Neutron and Muon Source (UK), primo Nodo fuori dal Regno Unito di ISIS Facility (UK) che, a seguito della realizzazione di ISIS@MACH, da Infrastruttura Ricerca Globale, inclusa nel PNIR 2014-2020, diventa IR distribuita nel PNIR 2021-2027. ISIS@MACH (28/8/2019 – 27/8/2024) offre a utenti pubblici e privati l’accesso alla rete di strumenti presso l’Università di Tor Vergata e del Centro Fermi e alle linee di fascio di neutroni e muoni di ISIS tramite il NEUTRON GATE di ISIS@MACH, impiegato per la caratterizzazione della struttura e dinamica su scala atomica dei materiali, utilizzando sonde complementari di luce, neutroni e muoni. Dal 28 agosto 2019 ad oggi il numero totale di accessi a ISIS@MACH e ad ISIS è stato rispettivamente di 45 giorni e di 38 giorni. Di questi accessi ne hanno usufruito utenti pubblici e privati; l'accesso ad ISIS è stato reso possibile grazie a un investimento interamente sostenuto dalla Regione Lazio e effettuato attraverso il NEUTRON GATE di ISIS@MACH. Gli accessi alla rete di strumenti in Italia e in UK sono resi possibili grazie all’invio di proposte sperimentali, che vengono poi approvate da peer reviewers indipendenti.

Aprile 2020: Viene siglato un accordo di collaborazione di ricerca (attraverso la costituzione di una Joint Research Unit (JRU) con i seguenti partner sottoscrittori: Università di Roma Tor Vergata (Roma), AIRI (Roma), CGSI (Firenze). L’accordo ha l’obiettivo di aggregare e integrare le competenze delle Parti per espandere la ricerca, lo sviluppo sperimentale e la capacità di accesso degli utenti di ISIS@MACH e il NEUTRON GATE di ISIS facility. La JRU è un accordo aperto all’adesione di partner pubblici e privati.

Maggio 2020: Su richiesta dell’Università di Tor Vergata il MUR annota nel suo registro ufficiale la costituzione della JRU con il nome ISIS@MACH ITALIA (IMI), primo Nodo di ISIS Facility. La creazione della JRU valorizza l’investimento della Regione Lazio e dell’Università di Tor Vergata che ha promosso la creazione di un modello di infrastruttura di ricerca fortemente innovativo a livello nazionale e internazionale. 

Giugno 2021. Il CNR e la Venice International University aderiscono ISIS@MACH ITALIA (IMI). IMI è inserita nel PNIR 2021-2027 come hub di ISIS Neutron and Muon source

Per altre informazioni si veda:

Utilizzo dei cookie

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza degli utenti. Puoi decidere se consentire o meno i cookie, ma se rifiuti non sarai in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.
Puoi rivedere in qualsiasi momento la scelta cliccando su "scelta cookie", nel footer del sito